Articoli

Rally Collection: il Mondiale Rally 1991 da vedere

Rally Collection: Mondiale Rally 1991

Rally Collection: Mondiale Rally 1991.

Nel 1991 si rinnovò la grande battaglia tra Lancia e Toyota, ma questa volta con due soli contendenti per il titolo: Carlos Sainz e Juha Kankkunen. La sfida si risolse solo all’ultima prova, il Rac Rally. Nelle foreste della Gran Bretagna, Kankkunen andò subito all’attacco, ma Sainz riuscì a prendere il comando alla PS20. Sembrava fatta, ma un’uscita di strada alla PS28, danneggiò il radiatore della Toyota e lo spagnolo fu costretto a rallentare. Kankkunen vinse gara e titolo per la gioia dei tifosi italiani.

Detta così fa venire i brividi, ma se la guardate in questo video… beh, vi metterete le mani nei capelli. E forse ve li strapperete pure. Provo a spiegarvi il perché. Il Mondiale Rally 1991 è stata la stagione numero 19 del WRC. La stagione comprendeva quattordici prove. Il Campionato Piloti è stato vinto da Juha Kankkunen sulla Lancia Delta Integrale 16V, davanti a Carlos Sainz e Didier Auriol. Il Campionato Costruttori è andato alla Lancia, davanti a Toyota e Mitsubishi.

L’inizio della stagione rallystica iridata 1991 è deludente per la Lancia Delta Integrale 16V, che sembra in affanno rispetto alla Toyota di Sainz, ma Juha e la sua squadra ci credono, lavorano sodo e ribaltano a loro favore la situazione. Lo spagnolo vede lentamente dilapidare il suo margine in classifica e si presenta al via del Rac Rally, appuntamento conclusivo della stagione, con solo un punto di vantaggio su un indomabile KKK.

Ma andiamo con calma. Dopo otto rally, in Argentina, Carlos Sainz aveva vinto cinque gare e la sua difesa del titolo sembrava davvero molto forte. Kankkunen vinse i due successivi eventi, mentre in entrambi Carlos si ritirò: il suo ritiro in Australia fu il peggiore della stagione. Il Mondiale Rally 1991 si è concluso con una lotta serratissima nelle foreste britanniche, da dove Juha è emerso come vincitore ed è diventato il primo pilota a vincere il titolo del WRC più di due volte. Stagione avara di soddisfazioni per Miki Biasion, che si deve accontentare di tre secondi posti, Monte-Carlo, Argentina e Sanremo.

Grazie a Sainz, la Toyota ha avuto un vantaggio considerevole a metà stagione, ma ha raccolto solo quattordici punti in quattro gare finali, mentre la Lancia le ha vinte tutte e quattro. Il calendario è stato ampliato a quattordici eventi con l’aggiunta del Rally Catalunya, un ex prova del Campionato Europeo Rally. Il percorso del rally spagnolo è l’unico del Mondiale Rally che presenta un fondo misto: metà asfalto e metà sterrato. Di conseguenza, i team devono convertire e adattare il set up delle loro vetture dopo ogni tappa, per questo, per vincere, i piloti devono sapersi adattare al cambiamento della superficie del tracciato e della propria vettura.

In questa stagione si è registrato solo un debutto a livello di auto: quello della tanto attesa Nissan Sunny GTI-R. Molto interessante il fatto che l’arma del Costruttore giapponese sia stata introdotta in condizioni estremamente difficili durante il Safari Rally. La Sunny aveva un design avanzato, ma soffriva per le gomme Dunlop, che non erano all’altezza di Michelin o Pirelli, ma ancora di più dalla cattiva posizione dell’intercooler. Al termine del World Rally Championship 1991 la Lancia abbandona ufficialmente i rally.

la scheda

RALLY COLLECTION: MONDIALE RALLY 2015

Numero dischi: 1

Lingua: italiano

Durata: 100 minuti

Acquista

25 anni di amore per il Rally di Finlandia

25 anni di amore per il Rally di Finlandia

La copertina del libro dedicato al rally finlandese.

Alla fine della sua trentesima partecipazione al 1000 Laghi, l’autore del libro 25 anni di amore per il Rally di Finlandia, il gentleman driver e recordman Fabrizio De Sanctis, già pensava all’ultimo aggiornamento che avrebbe dovuto fare alla sua opera, ma se ne guardava bene dal dirlo. Lui è riservato, umile, discreto, follemente innamorato della competizione nordica valida per il Mondiale Rally. Ma noi giornalisti lo sapevamo che, presto, sarebbe arrivato anche il fascicolo 2015.

In fondo, dal 2010, anno in cui ha dato alle stampe il pregiato volume, lo ha sempre aggiornato attraverso delle pubblicazioni supplementari, che è un vero piacere possedere. Perché mai questa volta non avrebbe dovuto farlo? Ma lì, al Finlandia del 2015 non diceva nulla del libro. A fine gara si parla del rally. Del rally in assoluto e della sua trentesima partecipazione consecutiva alla gara: record imbattutto e probabilmente imbattibile. Punto e basta.

Lo ricordo come fosse ieri, Fabrizio arriva e dice: “Grande l’emozione per l’onore di percorrere per primi la prova speciale di apertura. Il resto della gara è filato via senza problemi. La temutissima tappa del venerdi, con un solo cambio gomme autorizzato senza aiuti esterni, si è conclusa senza danni. Oddio, avere una sola assistenza dopo otto prove era sulla carta un po’ angosciante. Ma al contrario del 2014 in cui avevo fatto ricorso per ben due volte al Rally2, questo 2015 ha portato solo a controlli di routine e pulizia del parabrezza”.

Era il 2015, fine luglio. Stanco, provato, ma soddisfatto di aver portato a termine questa trentesima partecipazione al “rally della sua vita“. “Solo in alcune delle ultime prove, allo start, l’accensione del bang si rivelava controproducente, facendo quasi spegnere il motore. Anomalia non risolta alla fonte ma aggirata inserendo il dispositivo dopo qualche centinaio di metri da inizio prova. Mentre Giorgia era sempre un po’ in ansia, io ho guidato con tranquillità massima, divertendomi. Avevamo predisposto anche dei bigliettini con l’indirizzo mail a cui inviare le foto, da gettare dal finestrino in punti particolarmente spettacolari. Beh… ha funzionato!.

Ricordo che nel momento in cui ascoltavo queste parole – sapendo che stavo parlando con un pilota che ama come nessuno la gara finlandese, e questo mi permetteva di attribuirgli il giusto valore (perché Fabrizio De Sanctis è una persona umile), mi fece provare una gran tenerezza. L’autore, nei panni del pilota, con circa settantatremila chilometri percorsi in oltre duecento gare, di cui quarantadue iridate all’attivo, racconta con una passione impareggiabile 25 anni di rally di Finlandia attraverso foto, personaggi, piloti, classifiche dettagliate, percorsi di ogni gara, curiosità e molto altro ancora.

Il record di De Sanctis al Rally di Finlandia

Con la partecipazione del 2015, De Sanctis non ha solo stabilito un record di passione e fedeltà nei confronti di una gara, bensì un vero e proprio record sportivo, anche perché le partecipazioni sono state consecutive. Esatto, hai capito non bene, ma benissimo. Per trent’anni di fila, il pilota di Capannori ha corso in Finlandia. Sempre nella stessa gara. Ogni volta difficile in modo diverso. Ha imparato prima a conoscere luoghi, usanze e costumi e poi ha imparato senza alcuna difficoltà ad amare questa meravigliosa terra che è la Finlandia.

Quel rally e quella gente gli sono entrati nel cuore e non è più riuscito a liberarsi. Come se glielo avesse ordinato il medico. “Un 1000 Laghi all’anno toglie ogni malanno”, questo sarebbe lo slogan giusto per De Sanctis. Nel libro “25 anni di amore per il Rally di Finlandia”, De Sanctis svuota il sacco della conoscenza e racconta tutto. Onestamente, avendo viaggiato spesso in Finlandia, da Helsink a Jyvaskyla, quando lavoravo per TuttoRally+, comprendo che non si faccia alcuna fatica ad amare quei posti, quegli odori, quei colori e anche il calore gentile della popolazione locale.

Nato a Torino nel 1955 e da diversi anni ormai residente a Capannori, De Sanctis inizia l’attività sportiva nei rally nel 1981. Non è assolutamente un errore definirlo uno sportivo a tutto tondo perché, prima di dedicarsi alle auto, per vent’anni è stato uno schermitore nelle specialità di spada e sciabola. Insignito dall’associazione Atleti Azzurri d’Italia dell’onorificenza “Gentiluomo dello sport italiano”, dopo essere passato ai rally è diventato recordman mondiale di presenze senza interruzioni alla stessa gara di WRC da quando fu istituita la serie iridata. Altro che Munari e il Safari… Disponibile in italiano e in inglese, Il libro è una rarità per intenditori e ha avuto una tiratura limitata di sole mille copie, tutte numerate ovviamente. Attualmente, è impossibile trovarne anche solo una sul mercato dell’usato.

Se è di tuo gradimento, puoi prenotare questo libro attraverso il blog “Libri di Rally”. Inviami una mail tramite l’apposito modulo che trovi nei contatti e ti risponderò al più presto fornendoti tutti i dettagli privatamente.

la scheda

25 ANNI DI AMORE PER IL RALLY DI FINLANDIA

Autore: Fabrizio De Sanctis

Copertina: rigida

Pagine: 300

Formato: 30 x 22 centimetri

Editore: Automobile Club Pistoia

Prezzo: 50 euro

Peso: 2,5 chilogrammi

Guarda il video